Bike Bio
Novità ed eventi

Ti interessa questo argomento? Scopri di più chiedendo informazioni allo staff di Sportissimo.

Sono curioso
 

E-bike, cosa c’è da sapere?

25 mag 2021

Cos’è una bicicletta elettrica e a cosa serve

La bicicletta elettrica, o e-bike, è una bici su cui è stato integrato un motore elettrico per aiutare sia i ciclisti alle prime armi sia quelli più esperti durante la pedalata. Grazie allo sviluppo delle tecnologie di pedalata assistita, ormai quasi tutte le tipologie di bicicletta sono disponibili anche nella versione elettrica, dalle mountain bike elettriche, alle e-road fino alle city bike.

La e-bike, infatti, unisce la forza del motore a quella muscolare del ciclista durante la pedalata. In questo modo riduce lo sforzo e lo rende più costante, permettendo a tutti di percorrere tragitti più lunghi in meno tempo e arrivare anche in luoghi che sarebbero difficilmente accessibili a causa della distanza o di salite troppo difficili.

Le bici elettriche offrono innumerevoli vantaggi sia a chi utilizza la bici per spostarsi nella vita di tutti i giorni sia a chi pratica il ciclismo come sport.

Chi sceglie la bicicletta come mezzo di trasporto per andare al lavoro o per viaggiare, con una e-bike potrà arrivare a destinazione in modo molto più rapido e meno faticoso, soprattutto quando deve trasportare bagagli.

Nello sport, tutti potranno godersi al meglio la bici nei percorsi più tecnici. Chi non è allenato può affrontare tragitti di una certa lunghezza o difficoltà e tenere il passo di chi è fisicamente più preparato; i più esperti trarranno comunque vantaggio dalla pedalata assistita per ottenere sempre di più e rendere più omogeneo lo sforzo durante l’allenamento.

Non dimentichiamo poi che la bici elettrica è un mezzo ecologico, che possiamo scegliere per gli spostamenti se abbiamo a cuore la sostenibilità ambientale dei nostri comportamenti quotidiani.

Quando è nata la bici elettrica

La prima bici elettrica di cui si ha notizia risale al 1895, quando Ogden Bolton Jr ottenne un brevetto negli Stati Uniti per la sua invenzione. Da allora c’è stata un’evoluzione continua, con diverse invenzioni che hanno contribuito ad alimentare lo sviluppo di questa tecnologia, ma è solo verso la fine degli anni Novanta, quando le batterie sono state migliorate, che le bici elettriche hanno iniziato ad essere più diffuse. La Sinclair Zike, un veicolo elettrico leggero inventato da Clive Sinclair e commercializzato dalla sua società nel 1992, è considerata la prima bici elettrica moderna, da cui si sono evoluti tutti i modelli presenti oggi sul mercato.

Come funziona la bici a pedalata assistita

Le moderne bici elettriche utilizzano tutte sistemi molto simili per fornire assistenza durante la pedalata: il motore elettrico è alimentato da una batteria posizionata su uno dei mozzi del telaio, collegata a una centralina che regola la potenza aggiuntiva sulla base dei valori rilevati da sensori, tra cui cadenza della pedalata, velocità e frenata. La centralina può essere controllata dal display di un piccolo computer montato sul manubrio o tramite una app per smartphone. Da qui è possibile regolare l’intensità dell’assistenza e monitorare informazioni come velocità, distanza e batteria residua.

Ci sono diverse intensità di assistenza della pedalata, da una spinta leggera che aiuta a superare piccole salite a una più intensa che consente di arrivare facilmente a 25 Km/h, il limite di velocità massimo consentito dalla legge per le bici a pedalata assistita. Nella modalità “off”, la bici verrà alimentata esclusivamente dalla forza muscolare del ciclista, senza l’aiuto del motore elettrico. Molti dei sistemi ideati dai produttori ed installati sui nuovi modelli sono plug and play, ovvero consentono di ottimizzare automaticamente l’assistenza in base al percorso senza dover regolare alcun parametro.

La batteria, per certi aspetti la parte più importante di una bici elettrica, è posizionata generalmente sul tubo obliquo del telaio o sul portapacchi posteriore. La durata della batteria di una bici elettrica dipende da molti fattori, tra cui il tipo di terreno, la marcia usata, il livello di assistenza, le gomme, il peso trasportato. La maggior parte dei motori assicura un paio d’ore d’autonomia alla massima potenza. Le batterie sono disponibili in una varietà di potenze da 200w a 550w. Quanti più watt, tanta più potenza viene fornita al motore e autonomia alla bici. Questo sarà quindi uno dei criteri per classificare e scegliere il veicolo più adatto alle tue esigenze.

Quali regole bisogna rispettare quando si usa una e-bike

Dal punto di vista normativo la bicicletta elettrica non richiede targa, assicurazione, patente e utilizzo del casco, in quanto viene equiparata ad un velocipede, purché rispetti l’articolo 50 del codice della strada. Non deve pertanto superare i 250 Watt di potenza del motore e l’alimentazione elettrica deve essere interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare. L’e-bike, quindi, può essere alimentata dal motore elettrico soltanto quando il conducente sta pedalando, in caso contrario non si può più parlare di bicicletta e vengono meno le condizioni per l’utilizzo su piste ciclabili e aree a traffico limitato.

Benché l’utilizzo del casco e delle luci non sia imposto dalla legge, è fortemente raccomandato a tutela della propria sicurezza. Ciò vale anche quando si usano le comuni biciclette spinte solo dalla forza muscolare, e a maggior ragione quando si usa una e-bike, per via della velocità sostenuta che si può raggiungere grazie all’assistenza alla pedalata.

Quali sono i migliori produttori di biciclette elettriche?

Attualmente i principali produttori di E-Bike sono Trek, Specialized, Pinarello e Cannondale che offrono sistemi molto simili per la pedalata assistita. Si tratta di motori applicati al movimento centrale della bicicletta, che garantiscono maggior leggerezza al veicolo e una miglior maneggevolezza, grazie ad un peso meglio distribuito. I modelli più economici sul mercato presentano invece, nella maggior parte dei casi, un motore integrato nella ruota posteriore o anteriore, sistema che non necessita di grandi modifiche al telaio per trasformare un modello tradizionale in elettrico.

 

Vuoi saperne di più?

Se hai altre curiosità o vuoi scoprire qual è il modello che meglio risponde alle tue esigenze vieni a trovarci in negozio a Modena, Vignola o Carpi, oppure contattaci per richiedere informazioni.

Puoi dare uno sguardo ai modelli disponibili consultando la sezione biciclette del nostro shop online.

Vuoi altre informazioni?

Se hai trovato interessante questa news e vorresti scoprire maggiori dettagli, compila il form con la tua richiesta. Il nostro staff ti ricontatterà per chiarire ogni tuo dubbio e darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.
*Questo campo è obbligatorio.
*Questo campo è obbligatorio.
*Questo campo è obbligatorio.
*Questo campo è obbligatorio.
* Inserisci un indirizzo email *Questo campo è obbligatorio.
* Inserisci un numero di telefono *Questo campo è obbligatorio.
*Questo campo è obbligatorio.

Ti invitiamo a leggere l'Informativa Privacy.

*Questo campo è obbligatorio.